Laudato Si - Marists in Africa

Luigi-Cover Luigi sm - Feeding the Families

THE "LAUDATO SI' PROJECT OF THE MARIST FATHERS OF THE DISTRICT OF AFRICA

 Fr Luigi Savoldelli sm, writes: I would like to begin my article by focusing on the experience that I have been living with African confreres and the people of Cameroon for some years now; our experience is grounded in the encyclical "Laudato Si'" by Pope Francis. The Agricultural project that we began as Marist Fathers of Cameroon, working with a group of poor, local, people has its origins in meditating on this encyclical, and finding a way to develop and express its meaning.

The Nkoloman II community field project, which began in 2014, is in the heart of the forest on the outskirts of Yaoundé. The area of this field is 5 hectares (50,000 m2) and to date we have planted 7,000 cocoa plants, 13,000 banana plants and 95 fruit trees (oranges, plums, papaya and avocado). With this project we want to create opportunities for young people and families in Cameroon. We want to involve fathers and mothers in agricultural activities to enable them to have a job opportunity and respond to the needs of their families in a dignified manner. At the same time we want to involve young people and train them in the care and work of the land, generate in their interest agricultural techniques with the aim that they are self-sufficient both from an economic point of view and have the ability to introduce new technologies for food production; an investment for the young people of this place so that they can fall in love with their land, respect it, love it, consider it the first gift of God, the common good, to build a community of solidarity, to be independent and to form their own family without having to leave their country.

Working to create such conditions and opportunities means working to ensure that young people and families do not have to leave their land because of poverty, by making journeys to the mirage of the West, journeys often characterized by hardship, humiliation and deprivation and which all too often see the weakest die in the hope of a better life.

CROPS

In the years 2017 - 2018, we Marist Fathers of Africa have created a biological vegetable garden in the field of Nkoloman II.The vegetable garden was built by reclaiming an area of about half a hectare of previously marshy swamp. The reclamation was carried out with local labor, through poor and rudimentary tools such as wheelbarrows and buckets. The people entered joyfully into this manual activity, including the monotonous work of clearing the weeds.

Thanks to this we can boast that we currently have a beautiful vegetable garden with vegetables and legumes of all kinds; we have managed to grow vegetables and plants such as: basil, salads, radishes, beans as well as legumes typical of this land, such as: zum, fulom, watalit, macabo and a corn field. All of these crops have been possible even during the periods of drought, which periodically affect us given the equatorial climate, thanks to the water of the well that we have dug in the past and that we have managed to realize thanks to the generosity of many Italian benefactors. All the vegetables and products we make are intended for the livelihood of local communities, both for the families who work with us in our Community and for the sale of surpluses to the market, the proceeds of which are intended to cover the expenses of the families themselves.

LIVESTOCK FARMING

In addition to cultivation activities we also have animal and fish farms. One of the last interventions carried out consisted in strengthening and enlarging the existing chicken coop (equal to 30 m2), repairing the fence damaged by bad weather and building another new one next to it. The need to enlarge the first chicken coop and build a second one is due to the fact that we bought free-range chickens, which will become hens; the hens will make a quantity of fresh eggs every day so that we can have enough eggs for the food of all families and also be able to sell them on the market, making some money for some household expenses. This second chicken coop, which houses broilers and has an area of 90 m2, was also made possible thanks to the generosity of our friends MMC (Marist Missionary Center of Australia).

For about two years we have expanded the project with the start of fish farming activity: three bodies of water have been dug on the land of our property and the breeding of carp, viper fish and silleuco has started. Since last June we have started breeding pigs and at the moment we have 25 of them, which is why it has become essential to build an adequate pigsty, for an extension of about 75 m2.

Finally, a few weeks ago we started breeding rabbits: at the moment we have six, but we are confident that we can increase their number. Thanks to the involvement and economic support of many Italian friends we managed to build a rabbit house, with a cage complex arranged on three floors, for an area of 18 m2.

 THE DESIRE TO GROW EVEN MORE TOGETHER

To date, about 20 people are involved in the cultivation, including some families, young people and some students. Given the good results achieved in recent years, we want to continue to invest and expand the size and diversify the products of cultivation and breeding. This will be more than useful in enabling new families and young people to have a decent life opportunity in their own country without having to think about emigrating abroad.

The "Laudato Si' project is an important opportunity for this community and is possible thanks to the generosity of many Italian friends sensitive to the words of Pope Francis in the Encyclical "Laudato Si": "The urgent challenge of protecting our common home includes the concern to unite the whole human family in the search for sustainable and integral development, as we know that things can change. The Creator does not abandon us, he never backs down in his plan of love, he does not regret having created us. Humanity still has the ability to collaborate to build our common home.

I would like to express my gratitude, encourage and thank all those who, in the most varied areas of human activity, are working to ensure the protection of the home we share. Those who fight vigorously to resolve the dramatic consequences of environmental degradation in the lives of the world's poorest deserve special gratitude.

Young people demand change from us. They wonder how it is possible to claim to build a better future without thinking about the environmental crisis and the suffering of the excluded.

I urgently call for a renewal of the dialogue on how we are building the future of the planet. We need new universal solidarity.

As the Bishops of South Africa have said, "the talents and involvement of all are necessary to repair the harm caused by humans on God's creation." We can all work together as God's tools for the care of creation, each with their own culture and experience, their own initiatives and abilities." ("Laudato Si'"n°13-14)

The spirit of collaboration and solidarity has characterized these works more than any other aspect: the collaboration between the workers of cultivation and the solidarity of our Italian friends have allowed this project, which seemed impossible, to take shape and consistency. Today the project is progressing very well, both with regard to the crops that and allows the dignified livelihood of the families and young people participating in the project itself.

Father Luigi SAVOLDELLI sm


        IL PROGETTO "LAUDATO SI'" DEI PADRI MARISTI DEL DISTRETTO D'AFRICA

Desidero iniziare questo mio articolo focalizzando l'attenzione sull'esperienza che già da alcuni anni sto vivendo con i confratelli africani e la gente del Camerun; la nostra esperienza si radica nel solco dell'Enciclica "Laudato Si'" di Papa Francesco. A partire dalla meditazione di questa enciclica si sviluppa e trova significato il progetto agricolo che stiamo condividendo come Padri Maristi del Camerun insieme ad un gruppo di persone povere locali.

L'idea e la realizzazione del progetto del campo comunitario di Nkoloman II, nel cuore della foresta alla periferia di Yaoundé, è iniziato nell'anno 2014. La superficie di questo campo è di 5 ettari (50.000 m2) e fino ad oggi abbiamo piantato 7.000 piante di cacao, 13.000 piante di banane e 95 alberi da frutto (arance, prugne, papaia e avocado).

Con questo progetto vogliamo creare delle possibilità per i giovani e le famiglie del Camerun, vogliamo coinvolgere padri e madri nelle attività agricole per permettergli di avere un'opportunità di lavoro e rispondere alle necessità della propria famiglia in maniera dignitosa. Allo stesso tempo vogliamo coinvolgere i giovani e formarli alla cura e al lavoro della terra, generare in loro interesse alle tecniche agricole con l'obbiettivo che siano autosufficienti sia da un punto di vista economico e abbiano la capacità di introdurre nuove tecnologie per la produzione alimentare; un investimento per i giovani di questo luogo affinché possano innamorarsi della loro terra, rispettarla, amarla, considerarla il primo dono di Dio, il bene comune, per costruire una comunità solidale, per essere indipendenti e formare la propria famiglia senza dover abbandonare il proprio Paese. Lavorare per creare tali condizioni e opportunità significa lavorare affinché i giovani e le famiglie non debbano abbandonare la loro terra a causa della miseria, andando incontro a viaggi verso il miraggio dell'Occidente, viaggi spesso caratterizzati da stenti, umiliazioni e privazioni e che troppo spesso vedono i più deboli morire nella speranza di una vita migliore.

         LE COLTIVAZIONI

Negli anni 2017 - 2018, noi Padri Maristi dell'Africa abbiamo realizzato un orto biologico nel campo di Nkoloman II; l'orto è stato realizzato bonificando un'area di circa mezzo ettaro precedentemente paludosa. La bonifica è stata realizzata con manodopera locale, attraverso strumenti poveri e rudimentali come carriole e secchi non disdegnando l'attività manuale in senso stretto, anche solo per ripulire e strappare le erbacce presenti. Grazie a ciò possiamo vantarci di avere attualmente un orto bellissimo con ortaggi e legumi di ogni tipo; siamo riusciti a coltivare ortaggi e piante come ad esempio: basilico, insalate, ravanelli, fagioli nonché legumi tipici di questa terra, come per esempio: zum, fulom, watalit, macabo e un campo di mais.

Tutte le coltivazioni di cui sopra sono state possibili anche durante i periodi di siccità, che periodicamente ci colpiscono dato il clima equatoriale, grazie all'acqua del pozzo che abbiamo scavato in passato e che siamo riusciti a realizzare per merito della generosità di tanti benefattori italiani.

Tutta la verdura e i prodotti che ricaviamo sono destinati al sostentamento delle Comunità Locali, sia per le famiglie che lavorano con noi nella nostra Comunità sia per la vendita delle eccedenze al mercato, il cui ricavato è destinato alla copertura delle spese delle famiglie stesse.

        GLI ALLEVAMENTI

Oltre alle attività di coltivazione abbiamo anche degli allevamenti di animali e pesci; uno degli ultimiinterventi realizzati è consistito nel rinforzare e d'ingrandire il pollaio esistente (pari a 30 m2), sistemando la recinzione danneggiata dal maltempo e costruendone un altro nuovo accanto. La necessità di allargare il primo pollaio e costruirne un secondo è dovuta al fatto che abbiamo comprato dei polli ruspanti, che diverranno galline; le galline faranno una quantità di uova fresche tutti i giorni tale da permetterci di averne a sufficienza per l'alimentazione di tutte le famiglie e anche di poterle vendere al mercato, ricavando un po' di denaro per alcune spese delle famiglie. Questo secondo pollaio, che ospita i polli da carne ed ha una superficie pari a 90 m2, è stato reso possibile anche grazie alla generosità degli amici MMC (Centro Missionario Marista dell'Australia).

Da circa due anni abbiamo ampliato il progetto con l'inizio dell'attività di itticoltura: sono stati scavati tre specchi d'acqua sul terreno di nostra proprietà e si è avviato l'allevamento di carpe, pesci vipera e silleuco.

Dallo scorso giugno abbiamo iniziato l'allevamento dei maiali ed al momento ne abbiamo 25 esemplari, per questo motivo si è resa indispensabile la costruzione di un adeguato porcile, per un'estensione pari a circa 75 m2.

Infine da poche settimane abbiamo iniziato l'allevamento di conigli: al momento ne abbiamo sei esemplari,masiamofiduciosidipoter accrescere illoronumero.Graziealcoinvolgimentoed al

sostegno economico di tanti amici italiani siamo riusciti a costruireuna conigliera, con un complesso di gabbie disposte su tre piani, per una superficie pari a 18 m2.

         IL DESIDERIO DI CRESCERE ANCORA INSIEME

Ad oggi nella coltivazione sono coinvolte circa 20 persone tra cui alcune famiglie, i giovani e alcuni studenti. Considerati i buoni risultati ottenuti in questi anni vogliamo continuare ad investire per ampliare le dimensioni e diversificare i prodotti della coltivazione e dell'allevamento. Ciò sarà più che utile per permettere a nuove famiglie e giovani di avere un'opportunità di vita dignitosa nel proprio paese senza dover pensare di emigrare all'estero.

Il progetto del "Laudato Si'" è un'occasione importante per questa comunità ed è possibile grazie alla generosità di tanti amici italiani sensibili alle parole di Papa Francesco nell'Enciclica "Laudato Si'": "La sfida urgente di proteggere la nostra casa comune comprende la preoccupazione di unire tutta la famiglia umana nella ricerca di uno sviluppo sostenibile e integrale, poiché sappiamo che le cose possono cambiare. Il Creatore nonci abbandona, non fa mai marcia indietro nel suo progetto di amore, non si pente di avercicreato.L'umanitàhaancorala capacità di collaborare per costruire la nostra casa comune. Desidero esprimere riconoscenza, incoraggiare e ringraziare tutti coloro che, nei più svariati settori dell'attività umana, stanno lavorando per garantire la protezione della casa che condividiamo. Meritano una gratitudine speciale quanti lottano con vigore per risolvere le drammatiche conseguenze del degrado ambientale nella vita dei più poveri del mondo. I giovani esigono da noi un cambiamento. Essi si domandano com'è possibile che si pretenda di costruire un futuro migliore senza pensare alla crisi ambientale e alle sofferenze degli esclusi.

Rivolgo un invito urgente a rinnovare il dialogo sul modo in cui stiamo costruendo il futuro del pianeta. Abbiamo bisogno di nuova solidarietà universale. Come hanno detto i Vescovi del Sudafrica, «i talenti e il coinvolgimento di tutti sono necessari per riparare il danno causato dagli umani sulla creazione di Dio». Tutti possiamo collaborare come strumenti di Dio per la cura della creazione, ognuno con la propria cultura ed esperienza, le proprie iniziative e capacità."("Laudato Si'"n°13-14)

Lo spirito di collaborazione e solidarietà ha caratterizzato questi lavori più di ogni altro aspetto: la collaborazione tra i lavoratori della coltivazione e la solidarietà degli amici italiani hanno permesso a questo progetto, che sembrava irrealizzabile, di prendere forma e consistenza. Oggi il progetto procede molto bene, sia per quantoriguardalecoltivazioniche l'allevamento, e permette la sussistenza dignitosa delle famiglie e dei giovani che partecipano al progetto stesso.

Padre Luigi SAVOLDELLI sm.

Deep Resurrection
Myanmar and Marists
 

Comments 2

Guest - Paul Francis Frechette on Sunday, 28 March 2021 21:29

Dear Luigi and Ben,
This has to be one of the most inspiring and engaging ecological and mission projects that has been presented. It falls in line with Laudete Si 7 year roll out project, that 90 of us Marists are involved with the Vatican Dicastery.
Thank you so much for this presentation and for the planning for these projects. God bless you all!

Dear Luigi and Ben, This has to be one of the most inspiring and engaging ecological and mission projects that has been presented. It falls in line with Laudete Si 7 year roll out project, that 90 of us Marists are involved with the Vatican Dicastery. Thank you so much for this presentation and for the planning for these projects. God bless you all!
Guest - Pascal Boidin on Monday, 29 March 2021 09:10

Merci cher Luigi pour cette présentation. Je te vois très bien à la tête d'une ferme et cela sert la communauté - Bonnes fêtes de Pâques à toi
Pascal

Merci cher Luigi pour cette présentation. Je te vois très bien à la tête d'une ferme et cela sert la communauté - Bonnes fêtes de Pâques à toi Pascal
Already Registered? Login Here
Guest
Thursday, 15 April 2021

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://jpicblog.maristsm.org/